assist-high
La fatica non è mai sprecata.
Soffri, ma sogni.

Pietro Mennea
sincrobeachkayakhigh jumpjavelin
assist5x1000
nuoto

Sono aperte le iscrizioni ad Assist per il 2019

 

Si può diventare SOCI 2019 con un minimo di 10 euro 

 

Questa volta abbiamo davvero bisogno del vostro aiuto. Assist non riceve contributi economici, se non il sostegno di associati e donatori. Per poter continuare a combattere per i diritti dello sport femminile abbiamo bisogno del vostro sostegno. Per Natale, fatevi (o fate) un piccolo regalo solidale e con un minimo di 10 euro  diventate SOCI di Assist Associazione Nazionale Atlete.
Per farlo dovete  effettuare un bonifico bancario ad Assist Associazione Nazionale Atlete
IBAN IT15C0501802600000012415717 (Banca Etica)
o con Pay Pal a questa pagina
versando la vostra quota/donazione. Nella causale inserite “Quota 2019” e la vostra mail.

Potete anche comunicarci l'avvenuta iscrizione alla mail soci@assistitaly.it

 

regali
06/07/2015, 21:22

calcio donne diritti mondiali usa



Mondiale-di-calcio-femminile-agli-USA:-chiediamoci-perchè


 Un movimento che coinvolge un’intera nazione



Il mondiale l’hanno vinto le americane. Ma il calcio - o sarebbe a questo punto meglio dire il soccer - non era uno sport "europeo"?

Per cominciare a capire come si vince, un Mondiale (il terzo per la nazionale a stelle e strisce, successi ai quali vanno aggiunti quattro ori olimpici), basta dare un rapido sguardo ai numeri: tra i giovanissimi americani (12-17 anni, ragazzi e ragazze) la passione per il soccer ha raggiunto quella per il baseball (18%); le tesserate sono oltre 18 milioni, mentre in Germania sono 1,2 milioni e  in Italia siamo intorno alle 20 mila.

La notizia del trionfo della squadra di Jill Ellis (toh, anche l’allenatrice è una donna) oggi è in prima pagina su tutti i media americani, al pari del referendum in Grecia. Sulle tribune dello stadio della finale, naturalmente stracolmo di pubblico, c’era il vicepresidente Joe Biden, e il presidente Obama e la first lady non hanno fatto mancare il loro appoggio via Twitter. Con il  loro hashtag #shebelieves le calciatrici statunitensi sono state supportate sui social network da milioni di fans, fra i quali personaggi tv, sportivi, rockstar e celebrities di ogni tipo.

L’Italia? Ai mondiali canadesi non c’era, a causa di una qualificazione mancata per un soffio. Ah, ma in Italia le giocatrici sono considerate (come tutte le atlete) dilettanti, e, anche ai massimi livelli, sono pagate poco o niente. Quanto alla copertura mediatica e agli investimenti poi... Nell’ultima finale di Coppa Italia le calciatrici hanno dovuto tracciare da sole le righe del campo e ancora si attende che al vertice del calcio femminile nostrano sia nominato il sostituto di Belloli, quello stanco di dare soldi a queste quattro lesbiche...


1

Mondiale di calcio femminile agli USA: chiediamoci perchè

06/07/2015, 21:22

Mondiale-di-calcio-femminile-agli-USA:-chiediamoci-perchè

Un movimento che coinvolge un’intera nazione

Le immagini potrebbero essere coperte da copyright
loghi-01 webby ritagliato
sostieni Assist cliccando sul banner del nostro inserzionista
© Copyright - ASSIST Associazione Nazionale Atlete 2015-2018  - Tutti i diritti riservati
All rights reserved - © FLAZIO template
Create a website