assist-high
La fatica non è mai sprecata.
Soffri, ma sogni.

Pietro Mennea
sincrobeachkayakhigh jumpjavelin
assist5x1000
nuoto

Sono aperte le iscrizioni ad Assist per il 2019

 

Si può diventare SOCI 2019 con un minimo di 10 euro 

 

Questa volta abbiamo davvero bisogno del vostro aiuto. Assist non riceve contributi economici, se non il sostegno di associati e donatori. Per poter continuare a combattere per i diritti dello sport femminile abbiamo bisogno del vostro sostegno. Fatevi (o fate) un piccolo regalo solidale e con un minimo di 10 euro  diventate SOCI di Assist Associazione Nazionale Atlete.
Per farlo dovete  effettuare un bonifico bancario ad Assist Associazione Nazionale Atlete
IBAN IT15C0501802600000012415717 (Banca Etica)
o con Pay Pal a questa pagina
versando la vostra quota/donazione. Nella causale inserite “Quota 2019” e la vostra mail.

Potete anche comunicarci l'avvenuta iscrizione alla mail soci@assistitaly.it

 

12/07/2016, 23:13



Non-provocate-Serena


 Ancora una volta stuzzicata con domande sessiste, la campionessa non si è tirata indietro



Don’t mess with Serena! 
Chi segue il tennis dovrebbe saperlo, che provocare la sette volte campionessa di Wimbledon con domande che sanno di sessismo non è mai una buona idea. 
È successo di nuovo, e proprio all’All England Club, dove un brillante giornalista si è rivolto a lei come "one of the greatest female athletes of all time" (una delle più grandi atlete donne di tutti i tempi). Ma Serena Williams è una campionessa, non solo in campo, e la sua risposta "I prefer the word ’one of the greatest athletes of all time.’" (preferisco l’espressione una dei più grandi atleti di tutti i tempi) non lasciava spazio a repliche.

E fin qui basterebbe da solo per zittire chiunque... Ma c’è stato chi è voluto andare oltre e chiederle se dopo aver sconfitto la Vesnina così seccamente (scusate se è la più forte n.d.r.), sentiva di meritare la stessa cifra di Federer, che era rimasto in campo tre ore ed aveva rimontato due set. Serena non è tipo da mandarle a dire e, seppure con la calma di un’atleta esperta, ha tirato fuori parole che, ne siamo certi, le venivano dal cuore."Certamente lo merito. Ora io chiedo a te: se scrivi un articolo breve, a fine mese pensi di dover ricevere uno stipendio più basso della collega che ti siede accanto e che ha firmato un pezzo più lungo del tuo?"
E poi ancora, con grande pacatezza: "Vorrei vedere il pubblico, la stampa, e gli altri atleti rispettare noi donne per quello che siamo e per quello che facciamo. Questa è la mia vita da quando avevo due anni, forse prima... E non credo di meritare di essere pagata meno in ragione del mio sesso. Non lo merita nessuno, in nessun lavoro". 
Game, set, match. Serena vince, sempre.


1

Non provocate Serena

12/07/2016, 23:13

Non-provocate-Serena

Ancora una volta stuzzicata con domande sessiste, la campionessa non si è tirata indietro

Le immagini potrebbero essere coperte da copyright
loghi-01 webby ritagliato
sostieni Assist cliccando sul banner del nostro inserzionista
© Copyright - ASSIST Associazione Nazionale Atlete 2015-2019 - Tutti i diritti riservati
All rights reserved - © FLAZIO template
Create a website